logo usrc

 

programmazionefase di PROGRAMMAZIONE

  Fonte finanziaria: Delibera C.I.P.E. 135/2012
  Descrizione oggetto di intervento:
L’Edificio catastalmente individuato al fg. 71 map. 129, è adiacente alla chiesa del Beato Andrea, con ingresso principale ed affaccio su via del Municipio, ed è di proprietà del Comune.
Il fabbricato si compone tre livelli complessivi: un piano seminterrato per circa 140.00 mq utili, un piano terra di mq utili 430.00 e un piano primo di mq 420.00.
Le strutture portanti verticali posseggono spessori consistenti e variabili, mentre gli orizzontamenti sono realizzati in parte con volte botte e padiglione, in parte con solai piani in acciaio e laterizio ed in parte in struttura lignea, mentre la struttura di copertura risulta essere totalmente lignea.
Le strutture portanti verticali sono realizzate con muratura ordinaria di pietrame locale (calcari ed arenaria della Laga), legato con malta terrosa di scarsa qualità, con sporadici ed esili ricorsi di mattoni, generalmente interrotti e privi di consistenza strutturale.
Sono visibili nella facciata Ovest, che presenta ampi tratti privi di intonaco, inserimenti di conci squadrati, sia nelle porzioni d’angolo, sia a formare arcate ora cieche, nonchè elementi in materiale ligneo, quali architrave e piattabande e ferroso costituiti da paletti capochiave di tirantature storiche.

  Epoca di costruzione:
L’originaria conformazione tipologica dell’edificio, può ragionevolmente essere datata intorno al sec. XVIII, anche se non sono del tutto da escludersi parti strutturali antecedenti a tale inquadramento cronologico, inizialmente utilizzato a convento dai Padri Agostiniani.

 municipio

  Descrizione dello stato di danno:
Successivamente all’evento sismico del 6 aprile 2009 e giorni seguenti, causa i danneggiamenti riportati, l’immobile è stato classificato temporaneamente non agibile e pertanto svuotato delle funzioni cui era preposto.
Nelle more delle attività di protezione civile post sisma, si è proceduto al puntellamento di alcuni componenti ampiamente compromessi e successivamente all’esecuzione di un intervento di rafforzamento locale con l’inserimento di tiranti metallici e consolidamento di alcuni orizzontamenti voltatati.
L’intervento è stato tarato sulla base di riscontri visivi speditivi dello stato di danno prescindendo dalla capacità resistente residua del fabbricato e pertanto, non essendo garantita la stabilità delle strutture sotto l’azione sismica di riferimento, l’edificio è stato definitivamente abbandonato.
Il quadro fessurativo, sebbene senza episodi di alta criticità, è caratterizzato da lesioni significative alle pavimentazioni nella parte finale del corridoio di accesso ai locali archivio, interessati a loro volta da lesioni capillari diffuse sulle murature, sia sui maschi murari che affacciano su Via del Municipio, sia sulla facciata retrostante, dove si aggravano in corrispondenza delle aperture delle finestre e degli incroci murari; il quadro fessurativo peggiora notevolmente ad un’analisi degli orizzontamenti lignei dei locali stessi, interessati da sensibili avvallamenti, causa di lesioni nella pavimentazione e segnale di inadeguatezza strutturale del solaio stesso.

  Esito di agibilità: C

  Importo finanziato: € 590.000,00

  C.U.P. - I81B14000070000

 

progettazionefase di PROGETTAZIONE

  Tipologia di intervento:
Riparazione e miglioramento sismico

  R.U.P:
Geom. Italo Durastante
  Progettista:
Arch. Maurizio Sbaffo

municipio tav1
ex edificio scolasticoclicca per ingrandire

  Descrizione scelte progettuali:

La complessità dell’edificio e la tipologia e quantità di danni rilevati ha portato a proporre la seguente linea d’intervento, finalizzata al miglioramento delle caratteristiche di risposta dei materiali costituenti le strutture murari portanti, mediante rafforzamenti locali eseguiti con iniezioni, stilature e ripristini, e completamento del sistema di tirantatura delle strutture murarie, mediante posa in opera di catene, in parte già posto in opera del precedente intervento.
Gli interventi localmente sono stati quindi identificati nello scuci cuci, in presenza delle lesioni più gravi e nella parte sommitale di appoggio della copertura e in iniezioni di miscele consolidanti omogenee e compatibili con la natura delle malte preesistenti, da eseguirsi localmente.
Il consolidamento delle murature sarà completato con iniezioni, e consolidamento di alcune architravi e piattabande, nonché mediante sigillatura con malte idrauliche e chiusura con malte di grassello di calce delle fessurazioni minori.
Nel caso di solai danneggiati e carenti strutturalmente, si interverrà aumentando la sezione resistente delle travi costituenti l’orditura primaria, mediante la realizzazione di un solaio collaborante. Si procederà inoltre al ripristino delle finiture, degli infissi, degli elementi lapidei e lignei esistenti nonché alla revisione degli impianti tecnologici.

 

attuazionefase di ATTUAZIONE

Affidamento
  Procedura d'appalto:
  Data di pubblicazione del bando:      Scadenza:
  Importo lavori a base d'asta:      Importo lavori: 

 

Esecuzione
  Direttore lavori:
  Coordinamento sicurezza:
  Impresa esecutrice:
  Data inizio lavori:   Data fine lavori: