logo usrc

Nuove scuole 2017 sul sito Italiasicura della Presidenza del Consiglio dei Ministri

20180202 scuolehttp://italiasicura.governo.it/site/home/scuole/gallerie.html

Nella galleria 2017 del sito "Italiasicura" della Presidenza del Consiglio dei Ministri sono presenti le foto della Scuola primaria «A. Persia» di Avezzano e della Scuola primaria «G. D’Annunzio» di Celano, che rientrano nel Piano "Scuole d'Abruzzo - Il Futuro in Sicurezza" (dal 2013 gestito da USRC) finalizzato alla messa in sicurezza del patrimonio scolastico danneggiato dagli eventi sismici iniziati il 6 aprile 2009, i cui fondi sono stati stanziati dalla Delibera CIPE n. 47/2009.

Per la Scuola primaria «A. Persia» di Avezzano è stato realizzato un intervento di demolizione e ricostruzione, per un importo complessivo pari ad € 2.850.000,00, a valere sulla Delibera Cipe n. 47/2009, mentre per la Scuola primaria «G. D’Annunzio» è stato realizzato un intervento di nuova costruzione con delocalizzazione, per un importo complessivo € 4.250.000,00 (di cui € 1.250.000,00 a valere sulla Delibera Cipe n. 47/2009 ed € 3.000.0000,00 fondi propri dell’Ente).

Entrambe le scuole sono state progettate e realizzate secondo i criteri antisismici, interpretando le indicazioni dettate dalle Linee guida del MIUR, le quali oltre a rinnovare gli spazi dedicati alla didattica, concepiscono la scuola come «centro civico» inteso come luogo aperto al territorio e al servizio della comunità.

Report delle attività USRC_UTR nella gestione dell’emergenza sismica in Italia centrale dal 24 agosto 2016

20180129 report usrcIl Report intende illustrare il contributo che l’Ufficio Speciale (USRC) e gli Uffici Territoriali per la ricostruzione (UTR) del sisma Abruzzo del 2009 hanno fornito alle attività connesse alla gestione dell’Emergenza sismica che ha colpito l’Italia centrale dal 24 agosto 2016, con eventi sismici di notevole impatto, sia per il fenomeno in sé, sia per le ripercussioni generatE sulle attività di ricostruzione in corso nella Regione Abruzzo afferenti al sisma 2009.

Le attività di supporto hanno riguardato essenzialmente la campagna di censimento danni sugli edifici pubblici e privati nei comuni abruzzesi eseguita da squadre di tecnici USRC e UTR, ed il supporto tecnico-amministrativo al COR – Centro Operativo Regionale - dell’Abruzzo ed ai Comuni abruzzesi colpiti dai nuovi eventi sismici.

In sintesi, le 34 unità di personale USRC/UTR hanno prestato il proprio servizio per un totale di 562 giorni di impiego/uomo, impegnando circa 4500 ore/uomo complessive ed eseguendo 952 verifiche di agibilità con scheda AeDES. La maggior parte dei sopralluoghi si è concentrata nella parte della Provincia dell’Aquila più vicina alla zona epicentrale e nella Provincia di Teramo. Il dato medio delle squadre di tecnici USRC/UTR evidenzia l’esecuzione di circa 7,8 schede AeDES al giorno, con una media di 8 ore lavorative giornaliere.

Leggi tutto...

10 febbraio: Inaugurazione della sede storica del Municipio di Barisciano, danneggiato dal sisma del 6 aprile 2009

20180210 baricisano

Sabato 10 febbraio 2018 alle ore 10.30, si è svolta la cerimonia di inaugurazione e di riapertura della sede storica del municipio di Barisciano gravemente danneggiato dal sisma del 6 aprile 2009 ed ora reso nuovamente agibile e a servizio della comunità.
Grazie ai fondi stanziati dalla delibera CIPE 135/2012 messi a disposizione dall’USRC, pari a € 1.692.000,00 e altre risorse del Comune per ulteriori € 200.000,00, con il supporto del Provveditorato Interregionale alle Opere Pubbliche Lazio, Abruzzo e Molise, che ha svolto il ruolo di Stazione Appaltante dell’intervento, in meno di due anni sono stati completati i lavori di recupero e miglioramento sismico volti a salvaguardare le caratteristiche dell’edificio, a ripristinare gli elementi di notevole valenza architettonica e ad eliminare le carenze strutturali ripristinando la funzionalità dei locali e adeguandolo alle normative vigenti.

Leggi tutto...

2 febbraio - 18 marzo: L’Aquila’s Post-Quake Landscapes 2009_2017 - La Spezia (Sp)

20180203 laspezia

Dopo l’Elogio della bellezza, che ha portato alla Spezia venti capolavori da altrettanti musei italiani e stranieri, dopo i Tesori svelati messi a disposizione durante le festività natalizie da Carispezia e Fondazione Carispezia, il 2 febbraio inaugura alle 17 al Museo Lia la mostra “L’Aquila’s Post-Quake Landscapes [2009-2017]”, a cura di Andrea Sarti e Claudia Faraone. È questo un intervento contemporaneo, risultato dall’osservazione delle trasformazioni urbanistiche e paesaggistiche del territorio del comune dell’Aquila dopo il terremoto del 2009, che si compone di un progetto fotografico al quale vengono affiancate alcune video-interviste alle figure chiave del processo di ricostruzione, oltre al racconto di alcune microstorie di iniziative socio-culturali.

L’esito iniziale di questa ricerca è stato esposto alla Biennale di Venezia 2014 diretta dall’architetto olandese Rem Koolhaas e il suo studio OMA, con lo scopo preciso di restituire i primi cinque anni di osservazione, ed ora ecco dunque questa seconda fase, allestita al Museo Civico “Amedeo Lia” per la prima volta: L’Aquila si presenta come una città completamente ricostruita nelle sue aree periferiche mentre il centro è ricomposto solo per metà, data anche la forte concentrazione di edifici storici. La ricerca vuole testimoniare non solo le tracce e le pratiche della ricostruzione degli edifici, ma anche della riattivazione degli spazi pubblici e del ritorno all’uso della città, evidenziando altresì i punti d’inerzia, laddove i processi di ricostruzione si sono interrotti o non sono mai partiti. A tale indagine viene affiancata una mappa che, ispirandosi a un acquerello del 1858 “Aquila e dintorni”, prova a descrivere le trasformazioni territoriali contemporanee con un approccio paesaggistico.

Leggi tutto...

8 febbraio: A Buongiorno Regione si parla del progetto Casa & Bottega - Fontecchio (Aq)

tgregionale b”Casa & Bottega - Risiedere e lavorare in una Comunità” è un innovativo programma di riqualificazione urbana che il Comune di Fontecchio sta portando avanti per favorire il recupero di edifici di proprietà pubblica e privata da rendere disponibili per la produzione artigianale da parte di giovani coppie L’iniziativa prevede il riuso di edifici del centro storico ristrutturati secondo principi di alto efficientamento energetico ed elevati parametri antisismici da destinare ad edilizia sociale.

Se ne parla al minuto 12 e 27 della trasmissione Buongiorno Regione andata in onda giovedì 8 febbraio.

 

 

 

Giornata della Memoria 2018 - Abruzzo nascosto. L'antico ghetto ebraico di Civitaretenga (AQ)

20190131 civitarNon tutti sanno che il borgo medievale di Civitaretenga, frazione di Navelli, conserva miracolosamente intatta una porzione di abitato storicamente denominata “Ghetto ebraico”, di notevole pregio e molto caratteristica.

L'antico Ghetto, su proposta dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l’Aquila e Cratere, nell'ambito delle attività di ricognizione e tutela del territorio, è stato recentemente dichiarato di interesse culturale (con provvedimento del 15/09/2017), ad integrazione del vincolo che già dal 1983 tutelava il monumentale Palazzo Perelli, edificio di spicco del borgo.

Già da prima del luglio 1400 - quando re Ladislao concesse agli ebrei di poter risiedere a L’Aquila, Sulmona, Lanciano ed altre città d’Abruzzo - la comunità ebraica, attratta dalle potenzialità economiche legate al commercio della lana e dello zafferano, risiedeva in questa porzione del borgo.

L’editto di espulsione dal regno di Napoli, emanato nel 1510, cancellò ogni traccia della loro presenza, sino a mutare le denominazioni della via di spina e della piccola piazzetta centrale che un tempo dovevano chiamarsi “via Giudea” e “piazza Giudea” e che oggi sono denominate “via Guidea” e “piazza Guidea”.

Leggi tutto...

4 gennaio: Inaugurazione Scuola Ovindoli “L. Dard”

20180104 ovindoli2

Giovedì 04 gennaio 2018 è stata inaugurata la scuola “Luigi Dard”, ad Ovindoli, che ospiterà gli alunni dell’infanzia e della primaria. Alla cerimonia hanno preso parte l’amministrazione comunale, i tecnici, il vicepresidente della Regione Abruzzo, Giovanni Lolli, il Preside dell’istituto comprensivo “San Demetrio - Rocca di mezzo”, Antonio Lattanzi, il pronipote di “L. Dard” a cui la scuola è intitolata, ed alcuni funzionari dell’USRC, oltre agli alunni, gli insegnanti ed una nutrita rappresentanza della comunità ovindolese.

L’intervento ha riguardato l’adeguamento sismico dell’edificio scolastico, risalente ai primi anni del ‘900, preservandone le caratteristiche storico-monumentali, e la demolizione e ricostruzione della palestra. Il risultato ottenuto è stato quello di realizzare un edificio sicuro, nel rispetto dei principi del restauro conservativo, adeguato ai nuovi standard dell’edilizia scolastica. Il nuovo blocco, comprendente la palestra, il refettorio e la cucina verrà messo a disposizione della comunità per manifestazioni ed eventi.

Il costo complessivo dell’opera ammonta ad € 1.475.000,00 a valere sulla Delibera CIPE n. 47/2009 nell’ambito del “Piano Scuole d’Abruzzo – Il Futuro in sicurezza”, gestito dall’Ufficio Speciale per la Ricostruzione dei Comuni del Cratere.

Leggi tutto...